Visite: 2519

A) POPOLAZIONE SCOLASTICA

L’Istituto Comprensivo Destra Torre garantisce la propria offerta formativa articolandosi in dieci plessi distribuiti sui territori di quattro comuni della provincia di Udine: Aiello del Friuli, Campolongo – Tapogliano, Ruda e San Vito al Torre. Il contesto socio – economico del territorio di riferimento supporta il processo di apprendimento e di formazione civile della maggioranza degli alunni. Il background socio – economico e culturale delle famiglie degli alunni dell'I.C. è medio alto.

Nell’anno scolastico 2018/2019 sono 693 gli alunni che frequentano l’I.C. Destra Torre, di cui:

136 alle scuole dell’infanzia
310 alle primarie
247 alle secondarie di primo grado.

Per l’anno scolastico 2018/2019 gli alunni stranieri presenti nell'I.C. sono il 4,61% del totale.
Gli studenti Rom sono lo 0,72%.
Gli allievi con una disabilità risultano essere il 3,31%.
Nelle scuole Primarie e Secondarie gli alunni con un BES sono il 3,17%, gli alunni con un DSA il 10,10% e gli alunni con un ADHD lo 0,43%.

L'I.C. richiama una consistente utenza (pari al 23,23% dell'intera popolazione scolastica) da comuni non di competenza territoriale, evidenziando l'attrattiva determinata da un'offerta formativa varia e ben integrata con il contesto extrascolastico, dai servizi offerti, oltre che dalla grande attenzione

posta nei confronti del benessere dell'allievo e del suo successo formativo.
Non tutti gli studenti della scuola secondaria di primo grado interessati possono aderire ai corsi di recupero e alle varie iniziative attivate dall'I.C., a causa di problemi di trasporto. Gli allievi infatti non sempre risiedono nel Comune della Scuola che frequentano e ciò complica ulteriormente la trama dei trasporti.

TERRITORIO E CAPITALE SOCIALE

L’Istituto Comprensivo Destra Torre si rivolge alle famiglie dei capoluoghi e delle frazioni dei comuni di Aiello del Friuli, Campolongo – Tapogliano, Ruda e San Vito al Torre. Questi territori e queste comunità appaiono sufficientemente omogenei per caratteristiche ambientali, economiche, sociali, storiche e culturali. Le attività economiche presenti sul territorio appartengono a tutti e tre i settori economici. Per quanto riguarda gli aspetti più strettamente sociali, il contesto ambientale, in cui le scuole dell’Istituto operano, è stato negli anni caratterizzato da famiglie in cui entrambi i genitori erano occupati e si avvalevano frequentemente del supporto educativo - assistenziale dei nonni.

Negli ultimi tempi la crisi globale ha modificato tale assetto. Gli indici riportati dall’Istituto nazionale di statistica (ISTAT) relativi al saldo naturale, al saldo migratorio e al saldo demografico risultano disomogenei nei quattro comuni e relative frazioni di riferimento. Tuttavia si evince un calo negativo a livello generale protratto negli ultimi cinque anni. I dati relativi alla variazione di popolazione in percentuale rispetto all’anno 2017 (aggiornati al 31/12/2018) dimostrano un’oscillazione fra - 0,89% (Aiello) e – 0,52% (Campolongo Tapogliano) precisando un saldo naturale costantemente negativo e un saldo migratorio oscillante fra valori negativi e valori positivi negli ultimi dieci anni di riferimento. L'attuale diminuzione del tasso di natalità inoltre potrebbe comportare una diminuzione della popolazione scolastica nel tempo. L'età media della popolazione si aggira fra i 47,7 e 49,6 anni, mentre l'incidenza di stranieri si aggira fra il 5,70% e il 4,10% sul totale, con un picco nei Comuni di Aiello e Campolongo Tapogliano del 5,70%.

I Comuni oltre ad occuparsi della manutenzione ordinaria e straordinaria delle scuole di competenza territoriale, contribuiscono al funzionamento amministrativo e didattico dell'Istituto stanziando di volta in volta dei fondi.
Le amministrazioni comunali collaborano con differenziate modalità di intervento, in base alle priorità individuate, al funzionamento dei diversi plessi scolastici:

  • Le risorse strutturali risultano, nel complesso, idonee, con edifici adeguati ed altri che presentano alcuni aspetti di criticità;

  • I servizi scolastici essenziali (trasporti, sussidi e materiali, assistenza, servizio mensa, pre e post accoglienza) vengono normalmente erogati;

  • Le strutture e i servizi sportivi sono distribuiti in modo sostanzialmente omogeneo nel bacino di utenza dell’Istituto;

• I servizi di documentazione e consultazione vengono garantiti agli utenti dalle biblioteche comunali.

• Contribuiscono inoltre alla realizzazione delle proposte teatrali per le scuole in collaborazione con il CSS.

Un’importante funzione di stimolo educativo con aggregazione sociale, oltre che religiosa, viene svolta dalle varie parrocchie locali che convogliano risorse e mettono a disposizione strutture ed animatori del tempo libero, con iniziative rivolte in particolare ai ragazzi e ai giovani.
Sono presenti ed attive sul territorio molteplici associazioni:

  • ✓  sportive (Associazione Polisportiva Dilettantistica – Aiello del Friuli, Associazione Calcio – San Vito al Torre, Basket – Perteole, Tennis – Fiumicello, VIVIL – Villa Vicentina, Rugby – Bagnaria Arsa, Baseball Tigers – Cervignano, Danze Sportive Olimpia – Cervignano, Tennis Club Nova Palma – Palmanova, Sport Planet – Cervignano, Europa Baseball Club – Castions delle Mura)

  • ✓  culturali, musicali e di volontariato (SOS Rosa, Parmalat, Legambiente, Scuola di musica di Ruda, Comunità Piergiorgio onlus, Protezione Civile, Croce Verde, AFDS, ADO, ANA, AUSER, ANPI, ACLI Donne, Associazione Genitori, Caritas, ASS, Casa Mafalda, Rotary Club, Outlet Village di Palmanova, Associazione Santi Andrea Apostolo e Vito, Cooperativa Arteventi, Pro Loco) che coinvolgono le comunità locali e i diversi plessi scolastici in iniziative di promozione sociale e culturale.

    Nelle diverse realtà scolastiche operano inoltre con iniziative e laboratori gratuiti la COOP, la NET, i Carabinieri e la Polizia.

I centri di aggregazione giovanile nei comuni afferenti sono gestiti dai comuni, dalle parrocchie e dalle associazioni. Spesso, le famiglie non partecipano alle iniziative di formazione proposte dalla Scuola o dalle Associazioni. I trasporti gestiti dai Comuni sono piuttosto difficoltosi per l'articolazione dell'Istituto su dieci plessi distinti, con richieste che spesso si accavallano per quanto concerne le uscite didattiche. Nelle Scuole Secondarie non si possono effettuare i rientri pomeridiani poichè manca nelle sedi lo spazio adeguato da destinare alla mensa, e l'organico del personale ATA risulterebbe insufficiente per la copertura del funzionamento. Tale situazione non permette di accogliere le richieste di alcune famiglie in merito alla settimana corta.

B) RISORSE ECONOMICHE E MATERIALI

Nell' E.F. 2018 la programmazione definitiva delle entrate è stata pari a 121.866,21 €. La voce di entrata più cospicua è rappresentata dal contributo della Regione, che corrisponde al 40,35% del totale delle somme accertate. Il contributo degli Enti Locali è pari al 16,87% delle entrate accertate e quello dello Stato al 16,76%. Il contributo da privati ammonta al 26,02%. Il contributo da altre entrate è pari allo 0,00% del totale delle somme accertate. Come si evince dai suddetti dati, l'Istituto punta sulla progettualità, al fine di reperire risorse esterne aggiuntive; sfrutta le opportunità offerte dalla collaborazione con associazioni ed enti esterni, enti locali in particolare; presenta richiesta di accesso ai contributi della Regione per l'arricchimento dell'offerta formativa e per le dotazioni di attrezzature, soprattutto quelle informatiche; utilizza i contributi volontari delle famiglie e di privati. L'avanzo di competenza al 2018 è stato presunto per 65.646,71€ nella programmazione definitiva; l’avanzo di amministrazione ammonta a 203.211,82 €.

Torna all'inizio del contenuto